Alleanza cooperative italiane comunicazione:“Riforma Editoria Subito”

Si è svolta il 24 maggio scorso a Roma, presso la sala Caduti di Nassirya del Senato, la conferenza stampa di Alleanza delle Cooperative italiane comunicazione dal titolo “Riforma Editoria Subito”.

Il tema  al centro dell’iniziativa è stato la Proposta di legge (a.s.2271) - già approvata dalla Camera e in questi giorni all’esame della Prima Commissione del Senato – che istituisce il Fondo per il pluralismo e  l’innovazione dell’informazione e delega il Governo a ridefinire la disciplina del sostegno pubblico all’editoria.

“Il testo in esame è importante e ampiamente condivisibile” hanno affermato Roberto Calari e Carlo Scarzanella, Presidente dell’Alleanza delle cooperative Italiane Comunicazione, “ma occorre prevedere due norme transitorie ed adeguare alcuni parametri. Si tratta di garantire le risorse per il 2015 (quelle stanziate a suo tempo sono del tutto insufficienti) e inserire quattro semplici e selezionati emendamenti ordinamentali che non comportano oneri finanziari e non inficiano l’esigenza di approvare urgentemente la riforma in itinere, ma che sono di fondamentale importanza per dare il segno giusto alla riforma, nella logica indispensabile della tutela e dell’allargamento del pluralismo dell’informazione nel Paese. Sono condizioni minime indispensabili per traguardare i cambiamenti comunque significativi  che la normativa produce sulle realtà in essere”.

Ma il Disegno di Legge è importante e urgente anche per quanto concerne l’innovazione, l’incentivo a costruire nuove piattaforme digitali comuni tra le diverse testate e per le nuove opportunità che potranno nascere per la creazione di nuove start up indipendenti tra giovani giornalisti e pubblicisti sia per quanto concerne la carta stampata, sia per quanto riguarda l’online.

Hanno partecipato alla conferenza stampa i Senatori Roberto Cociancich (relatore in Commissione), Stefano Collina, Luciano Uras, Anna Maria Bernini e Loredana De Petris. È intervenuto inoltre l’on. Beppe Giulietti (Pres. FNSI ). Ha coordinato i lavori il Sen. Vincenza Vita.

I parlamentari presenti hanno espresso il loro impegno per una rapida approvazione della Legge in Senato e verso la possibilità di una presa in carico, nel confronto con il Governo, di alcune delle proposte di emendamento evidenziate nel corso della riunione, a partire dalla necessità di individuare una norma transitoria o, comunque, un intervento urgente teso a sanare con al massima urgenza la mancanza di risorse adeguate per i contributi diretti per il 2015.

È auspicabile che il Governo esamini con l’apertura necessaria gli emendamenti proposti anche perché essi sono del tutto regolamentari e non comportano oneri aggiuntivi per lo Stato.

Allegati

AGCI E SERVIZIO CIVILE

Servizio Civile NazionaleCon Determinazione n. 136 del 12 febbraio 2010, l’AGCI ha ottenuto l’iscrizione alla prima classe dell’Albo Nazionale degli Enti di Servizio Civile: attualmente, le sedi accreditate sono 104, distribuite in 15 Regioni e 41 Province.