Alleanza delle Cooperative Italiane

Progetto per l’identità visiva dell’associazione

L’Alleanza delle Cooperative Italiane ha deciso di aprire una raccolta di proposte finalizzate a sottoporre a verifica il nome e il logo con cui finora si è presentata.

Possono partecipare con proprie proposte tutte le cooperative attive nel settore della comunicazione, aderenti a una delle tre centrali cooperative (AGCI, Confcooperative, Legacoop) che hanno dato vita alla nuova associazione.

Alle cooperative di comunicazione partecipanti viene chiesto un contributo in tal senso, che potrà essere indirizzato all’individuazione di:

una o più nuove proposte di logo;
una o più proposte di evoluzione del logo attuale;
adeguate motivazioni per mantenere il logo attuale.

Le note seguenti hanno l’obiettivo di indirizzare questo lavoro richiesto alle cooperative partecipanti.

Naming

Indicativamente si ritiene utile mantenere il nome, essendosi affermato con l’utilizzo, anche se ancora prevalentemente tra i cooperatori e in un target di addetti ai lavori (rappresentanti istituzionali, giornalisti…), pur rimanendo aperti alla proposta di alternative, se adeguatamente  motivate.

Rispetto al nome attuale si precisa che non può essere ridotto all’acronimo ACI, essendo l’acronimo di altra associazione esistente. 

Marchio

Per quel che concerne il logo, appare utile realizzare un marchio diverso da quello attualmente in uso, pur rimanendo aperti alla possibilità di motivare adeguatamente la scelta di mantenere il logo attuale o proporne modifiche evolutive.

Questo logo dovrà poi essere declinato per i diversi settori e/o territori, garantendo la distintività delle suddette articolazioni ma anche la riconoscibilità di una linea unitaria (per visionare i soggetti nei quali si articolerà la suddetta declinazione, si veda elenco coordinamenti settoriali e territoriali accessibili dalla pagina del sito dell’associazione www.alleanzacooperative.it/l-associazione)

Il logo dovrà avere un carattere istituzionale, comunicando innanzitutto l’autorevolezza di un soggetto che rappresenterà in modo unitario un settore economico che realizza attualmente l’8% del PIL nazionale.

Nell’ideare il logo occorrerà tenere presente non solo la rilevanza istituzionale del soggetto, ma anche e soprattutto i valori distintivi in forza dei quali si candida a svolgere questo ruolo per il futuro del Paese.

Le cooperative sono società di persone che si contraddistinguono per far vivere nel mercato alcuni tratti distintivi, quali:

centralità della persona e non del capitale finanziario nel determinare le strategie d’impresa;
intergenerazionalità, ovvero attenzione alla costruzione di opportunità di lavoro anche per le generazioni future;
attenzione al territorio, inteso sia come ambiente sia come comunità, al cui sviluppo si propone di contribuire;
democrazia interna, ovvero il ruolo fondamentale che – a prescindere dalle dimensioni d’impresa – viene garantito ad ogni socio e ad ogni socia nelle scelte che devono essere assunte.

L’integrazione tra le tre associazioni che danno vita all’Alleanza delle Cooperative Italiane costituisce, inoltre, un processo unico nel nostro Paese, dove numerose – nel corso dei decenni – sono state le divisioni e le scissioni, a livello sia politico sia della rappresentanza degli interessi, ma inedita è la fusione tra tre soggetti con una diversa storia secolare. La cooperazione, anche grazie questa importante innovazione, si candida ad essere un soggetto attivo per la costruzione di un mercato pulito, aperto e trasparente. Anche questo aspetto dovrebbe essere considerato nella realizzazione delle proposte.

Partecipazione

Ogni agenzia potrà presentare una o più proposte di logo, fino a un massimo di cinque, accompagnando ogni proposta con una breve illustrazione delle scelte compiute (massimo 1.000 caratteri spazi inclusi).

Le proposte dovranno essere inviate entro il 20 novembre 2016 esclusivamente all’indirizzo: logo@alleanzacooperative.it. Nessun rimborso sarà dovuto alle agenzie che decideranno di partecipare alla selezione.

Chi si aggiudicherà la procedura dovrà realizzare

eventuali modifiche richieste al logo prescelto;
manuale di immagine coordinata a partire dalla versione definitiva del logo prescelto;
declinazione del logo definitivo per i diversi territori e settori, per un ammontare indicativo di 30 declinazioni

Il compenso per il lavoro suddetto è fissato in euro 10.000 iva inclusa.

Valutazione proposte

Le proposte pervenute saranno vagliate tecnicamente da un comitato di cui faranno parte un rappresentante per ogni Ufficio Comunicazione delle tre centrali cooperative e la scelta finale sarà assunta con insindacabile giudizio da parte del presidente dell’Alleanza delle Cooperative Italiane e dei due copresidenti.

 

AGCI E SERVIZIO CIVILE

Servizio Civile NazionaleCon Determinazione n. 136 del 12 febbraio 2010, l’AGCI ha ottenuto l’iscrizione alla prima classe dell’Albo Nazionale degli Enti di Servizio Civile: attualmente, le sedi accreditate sono 104, distribuite in 15 Regioni e 41 Province.

NEWS

Mar, 23/05/2017
Gardini “Responsabilizzare parti sociali su innovazione del Paese. Riforma legislativa contro le false coop come volano di sviluppo”
Mer, 17/05/2017
decreto legislativo 19 aprile 2017, n.56, correttivo del Decreto legislativo 18 aprile 2016, n.50
Ven, 05/05/2017
L'economia italiana stenta ancora occorrono coraggio e lungimiranza

Convenzioni di AGCI