Progetto Casa Italia/ Ricostruzione e ripresa economica delle zone colpite dal sisma ALLEANZA COOPERATIVE “CONDIVISIONE DELLE LINEE DEL DECRETO PER LA RICOSTRUZIONE ILLUSTRATE DAL COMMISSARIO ERRANI”

SEGNALI IMPORTANTI LE DICHIARAZIONI SU LEGALITÀ, TRASPARENZA E LISTE DI MERITO DELLE AZIENDE

Definizione di aree omogenee per rilanciare l’economia oltre la ricostruzione attraverso un’aggregazione delle aree interne colpite dal sisma; finanziamento delle abitazioni da ricostruire attraverso il credito d’imposta fino al 100%; riattivazione delle economie locali attraverso il prestito d’onore, il credito agevolato e il fondo di garanzia per le Pmi, anche per promuovere processi d’aggregazione; obiettivo principale di ricostruire il territorio e garantire la ripresa delle attività economiche locali, condizione indispensabile per evitare l’abbandono di questi territori; trasparenza e legalità di tutte le imprese che lavoreranno con i fondi stanziati per la ricostruzione.

Sono queste le principali misure illustrate alle parti sociali, questa mattina a Palazzo Chigi,  da Vasco Errani, Commissario straordinario per la ricostruzione e ripresa economica delle zone colpite dal sisma del 24 agosto, che saranno contenute nel decreto di prossima emanazione. Filippo Turi direttore AGCI, intervenendo per l’Alleanza Cooperative Italiane - anche a nome dei colleghi Rossana Zaccaria presidente Legacoop Abitanti e Massimo Stronati presidente Federlavoro e Servizi Confcooperative - ha ha giudicato fondamentale non solo il pieno rispetto del codice degli appalti, ma anche l’utilizzo di strumenti quali la White List e l’adozione di procedure speciali sul modello di quanto realizzato per Expo, al fine di garantire legalità e trasparenza nella gestione delle procedure di gara alle quali tutte le imprese che opereranno in quelle aree dovranno attenersi.

In particolare l’Alleanza  ha espresso la condivisione delle linee del decreto per la ricostruzione, evidenziando in particolare la positività degli obiettivi che mirano a ricostruire secondo il modello territoriale, rimanendo sul posto e favorendo la riattivazione economica delle aree colpite dal sisma attraverso una strategia che deve passare dalla gestione delle emergenze ad una politica di prevenzione e messa in sicurezza del territorio nazionale.

AGCI E SERVIZIO CIVILE

Servizio Civile NazionaleCon Determinazione n. 136 del 12 febbraio 2010, l’AGCI ha ottenuto l’iscrizione alla prima classe dell’Albo Nazionale degli Enti di Servizio Civile: attualmente, le sedi accreditate sono 104, distribuite in 15 Regioni e 41 Province.

NEWS

Lun, 20/03/2017
Il Presidente dell’Associazione Generale delle Cooperative Italiane Rosario Altieri, con il Segretario Generale di CECOP Bruno Roelants, il Rappresentante italiano nel Board dell'ICA Carlo Scarzanella ed il Responsabile di AGCI Sanità Angelo Chiorazzo, a confronto con Gianni Pittella su Cooperazione ed Europa.
Mer, 08/03/2017
8 marzo “Alleanza al lavoro per la ‘buona occupazione’ femminile”
Lun, 06/03/2017
L'Italia deve cambiare passo mentre l'Europa riprende spedita il suo cammino, il nostro Paese ancora stenta

Convenzioni di AGCI